Tiempo en movimiento  unha hora 49 minutos

Tempo  2 horas 12 minutos

Coordenadas 1224

Fecha de subida 8 de diciembre de 2017

Fecha de realización diciembre 2017

  • Valoración

     
  • Información

     
  • Fácil de seguir

     
  • Entorno

     
-
-
555 m
230 m
0
1,7
3,5
6,94 km

Vista 1362 veces, descargada 30 veces

preto de Chiarone, Emilia-Romagna (Italia)

PREMESSA: l'itinerario qui proposto, si snoda sulle colline interposte tra la Val Tidone e la piccola Val Chiarone (sua tributaria). Per l'unicità dei luoghi ma nello stesso tempo per la varietà della natura che la circonda, in modo del tutto personale, considero questo piccolo territorio come uno dei suggestivi della Provincia più limitrofa alla vita cittadina. Le basse quote consigliano di evitare la frequentazioni dei sentieri nelle giornate più calde, mentre ben si prestano durante la stagione invernale. I pochi Km dell'escursione e lo scarso dislivello non devono trarre in inganno; il percorso presenta tratte impegnative (sia in salita e soprattutto in discesa) molto ripide e passaggi su cresta rocciosa in parte esposti che potrebbero creare apprensione ai neofiti della Montagna o a chi soffre di vertigini. Il consiglio, per chi si è approcciato da poco alla montagna, è di effettuare l'escursione in compagnia di un praticante "esperto" che possa dare preziosi consigli nell'affrontare i passaggi più delicati. Per quanto riguarda l'aspetto paesaggistico, l'itinerario è altamente consigliato per la continua variazione di ambienti (dal greto del torrente, al bosco, alla cresta rocciosa, l'affascinante Rocca D'Olgisio, la palestra naturale di arrampicata del Rio Tinello, il suggestivo Canyon del Monte San Martino, gli scavi archeologici, le grotte naturali, il piccolo Oratorio Religioso ricavato dalla Roccia ecc).

Avvicinamento: Dalla tangenziale di Piacenza si seguono le indicazioni per Agazzano (zona Ovest della città) andando a superare il Ponte sul Trebbia. Giunti a Gragnanino si prosegue diritti al semaforo in direzione Borgonovo (SP11). Dopo circa 15 minuti si arriva appunto a Borgonovo e, all'incrocio a "tee" che si trova, si svolta a SX. Al semaforo che segue si svolta ancora a SX seguendo le indicazioni x Pianello sulla SP412R. Ci si mantiene sulla Provinciale superando il Paese di Castelnuovo e successivamente il Santuario di Strà sino a giungere a Trevozzo. All'interno del Paese si svolta a SX x superare il Ponte del Tidone ed entrare in Pianello. Alla prima rotonda che si incontra, si svolta a sx e poi a dx ad aggirare il centro. Seguendo le indicazioni per Piozzano, si esce dal Paese e dopo pochi minuti si giunge a Case Gazzoli dove si svolta a DX verso Chiarone all'incrocio posto dopo un Bar-Trattoria. Giunti in prossimità del Paese (senza addentrarcisi), si supera il Ponte sul Chiarone e si parcheggia nello spiazzo ben visibile sulla sinistra.

PARTENZA: dal parcheggio ci si dirige verso il ponte attraversando la strada dove è ben visibile la tabella del CAI indicante il sentiero 209 per la Rocca D'Olgisio che occorrerà seguire. Si scende presso il greto del torrente che bisogna costeggiare per qualche minuto fino a quando il sentiero svolta a sx nel bosco iniziando la fase di salita. tra tratti più o meno ripidi si incrocia, ignorandola, la variante del 209A proveniente sempre da Chiarone e si continua diritti ben guidati dal sempre presente segnavia biancorosso. Dopo un tratto di falso piano il bosco lascia strada ad una tratta rocciosa di arenaria che occorre superare facendo attenzione a non scivolare. Si giunge quindi presso il Castello della Rocca D'olgisio in parte incastonato nella roccia svoltando a Sx davanti ad esso rimanendo sul prato circostante (non scendere sulla strada). Procedendo diritto sempre sul sentiero 209 ad un bivio con altri percorsi di raccordo, occorre superare nuovamente un tratto di cresta rocciosa dove bisogna prestare molta attenzione a non scivolare. Rientrati nel bosco, inizia una lunga fase di ripida discesa che terminerà in corrispondenza del Rio Tinello. Giunti al piccolo Rio (solitamente asciutto in estate), occorre guadarlo e seguire le indicazioni per il Monte San Martino presso nuovo sentiero n°213 (svoltando a sx si rientrerebbe subito a Chiarone accorciando il percorso). Superata la "palestra" ad aria aperta di "Boulderisti" (molto frequentata in estate e nei fine settimana) ci si inerpica su ripida salita verso la cima. Senza incertezze, in circa 30' si giunge in vetta dove occorre oltrepassare un suggestivo piccolo "canyon" interposto tra i due monoliti rocciosi che fungono da sommità del Monte. Dopo la sosta panoramica , si procede sul sentiero che sopravanza un altro piccolo colle per scendere presso degli scavi archeologici che si oltrepassano verso il lato sinistro dalla direzione da cui si è arrivati. Nella fase di discesa occorre superare un altro piccolo tratto roccioso un pò impegnativo (ma non esposto) per giungere presso un piccolo Oratorio Religioso. La scalinata che segue in discesa si innesta sull'asfaltata che bisogna intraprendere svoltando a SX. Superato il Paese di Chiarone, ci si ritrova al punto di Partenza percorse poche centinaia di metri.
foto

Rocca D'Olgisio

foto

Rocca D'Olgisio 2

foto

Rocca D'Olgisio 3

foto

Monte San Martino

Cova

Foto

Arquitectura religiosa

Foto

1 comentario

  • kalin karov 07-ago-2019

    He realizado esta ruta  ver detalle

    Sentiero molto impegnativo ( sul cartello cai, specificato "per esperti"), in alcuni tratti assolutamente non adatto a chi soffre di vertigini. Molto ripido per maggior parte del tempo. Lo ho affrontato al contrario rispetto a daniele e con cane al seguito.
    Offre veramente dei panorami mozzafiato ( se di fiato ve ne dovesse rimanere).
    Ribadisco, non adatto ai deboli di cuore.

Si quieres, puedes o esta ruta