Tiempo en movimiento  5 horas 35 minutos

Tempo  8 horas 6 minutos

Coordenadas 2865

Fecha de subida 19 de julio de 2019

Fecha de realización julio 2019

-
-
2.139 m
1.124 m
0
4,0
8,0
15,99 km

Vista 104 veces, descargada 5 veces

preto de Casera Ferrera, Friuli Venezia Giulia (Italia)

Il monte Borgà è una zona con una moltitudine di specie di fiori che non trova facilmente eguali. In questo periodo, complice l'andamento meteo, con neve fino a tarda stagione, è ricoperto da un'erba verdissima che rende il paesaggio ancora più bello.
Si parte dalla val Zemola (parcheggio nei pressi della fiabesca casera Mela). Si sale per la carrareccia sterrata che con ampio tornante arriva nei pressi del rif. Cava Buscada (di cui va tessuta una lode per la splendida posizione e per l'accurata e disponibilissima gestione).
Da qui si procede per il 381 che va lungamente verso ovest, perdendo un po di dislivello. Ad un bivio, recentemente attrezzato con segnaletica verticale, si stacca una traccia marcatissima, verso dx. Si sale, risparmiando almeno 100mt di perdita di altitudine evitando di scendere fino alla biforcazione del sentiero che sale da Casso. Continuate a salire passando per i ruderi di casera Borgà. Qui consiglio di salire per la traccia di dx che rimonta la cresta e vi porta ad una forcelletta dove trovate l'indicazione per i Libri di S. Daniele. Salite a dx e arrivate in 10' alla panoramicissima cima. Quindi si ritorna sui propri passi fino alla forcelletta e si prosegue per i libri. Si perdono quasi 100mt e si arriva in questo posto misterioso e affascinante. Noi non ci siamo addentrati più di tanto, per rispetto degli stambecchi che si ergevano a impavidi custodi del luogo. Sono una moltitudine e non hanno timore dell'uomo. Meritano il rispetto dovuto. Possibile fare delle foto memorabili, considerato lo sfondo e i protagonisti.
Quindi si ritorna a ritroso verso il rifugio dove si possono gustare gli ottimi piatti. Dopo la piccola salitina, verso la sterrata, consiglio di prendere a dx un sentiero non immediatamente individuabile, in corrispondenza di una manufatto con due grosse carrucole. Così si taglia il lunghissimo tornante salito al mattino. Quindi all'auto.
Se devo dare un voto da uno a dieci a questa escursione (abbastanza lunga e un po faticosa) direi un bel 9 pieno. Soprattutto per il contatto con la natura che si può apprezzare nelle molteplici forme.
foto

Nei pressi di casera Mela

foto

La galleria lungo la strada

foto

Il Borgà e, sotto, il rifugio

foto

Foto

foto

La pulitissima traccia del sentiero dopo il rifugio

foto

Foto

foto

Il bivio per la scorciatoia

foto

Foto

foto

Foto

foto

Nei pressi di casera Borgà

foto

La traccia che sale a dx (quella di sx è buona per la discesa)

foto

Foto

foto

Ultimi metri verso la croce di vetta

foto

Il Duranno e il rif. Maniago

foto

La traccia per i Libri

foto

Foto

foto

Foto

foto

I libri con lo sfondo della valle del Piave

foto

Il guardiano della biblioteca

foto

Foto

foto

Foto

foto

A sx sulla traccia dell'andata

foto

Una moltitudine di pecore abbarbicate come in un presepio vivente

Comentarios

    Si quieres, puedes o esta ruta