-
-
1.698 m
861 m
0
2,3
4,6
9,26 km

Vista 841 veces, descargada 37 veces

preto de Casa Francomanno, Calabria (Italia)

Percorso ad anello di salita e discesa dalla Timpa di San Lorenzo. Il percorso è davvero impegnativo fino a poco prima della vetta a causa dell'elevata inclinazione (superiore al 35%) ma soprattuto della natura del percorso che è quasi per la totalità fatto da grandi lastroni di pietra liscia. Inoltre, durante la salita la visibiltà è ridotta dalla presenza di vegetazione. Il risultato è che se non ci si sta attenti è possibile trovarsi in tratti dai quali si è costretti a scendere per cercare una via migliore e questa cosa può risultare pericolosa se non si fa molta attenzione.
Superata la salita iniziale, si arriva in cima allo strapiombo che è tanto bello quanto impressionante. A questo punto bisogna muoversi per un lungo tratto verso nord per raggiungere la timpa di San Lorenzo. Questo tratto è doppiamente impegnativo in quanto sulla sinistra si ha lo strapiombo sotto il quale ci sono le gole del Raganello e a destra si ha una pendenza notevole fatta da pietre lisce. Come se non bastasse c'è la presenza di vegetazione che ostacola il cammino ma che al tempo stesso offre comunque degli appigli. Ho visto che alcuni hanno preferito rasentare il crestone (detto delle aquile se non erro). Onestamente era troppo impressionante per me e per questo ho preferito rimanere un po' più all'interno anche se in questo modo ho sicuramente fatto un percorso più complicato. Una volta raggiunta la prima cima si continua ancora e per fortuna le pendenze si riducono e si riesce finalmente a camminare più agevolmente.
Il peggio è passato ma per raggiungere la timpa ci vuole ancora un po'. Infatti per 3 volte si ha l'impressione di averla raggiunta ma in realtà ogni volta che si pensa di essere arrivati ci si accorge che la cima è ancora lontana. Finalmente in cima ci riposiamo e successivamente riprendiamo la discesa questa volta per un comodo sentiero che ci fa scendere dalla timpa e si connette a una strada sterrata da cui poi ritorniamo verso l'auto.

Questo percorso è bello ma veramente difficile soprattuto dal punto di vista psicologico a causa della combinazione di strapiombi e inclinazione. Di certo non è adatto a chi ha anche un minimo di vertigini e probabilmente necessita di un po' di attrezzatura. Consiglio vivamente di NON farlo se non si è veramente sicuri anche perchè se l'obiettivo è arrivare alla timpa si può fare agevolmente percorrendo il sentiero che abbiamo usato per discesa.

Altra nota:
sulle mappe (potete vedere da wikiloc scegliendo la mappa OpenCycleMap) sono riportati i sentieri 945C e uno che permette di raggiungere il crestone ma nella realtà questi sono praticamente inesistenti o invisibili se non proprio all'inizio. Questo rende le cose ancora più difficili e porta a fare scelte guidate da quello che è possibile osservare al momento che su una montagna di questo tipo possono fare la differenza. Questo ovviamente riguarda solo il percorso per raggiungere la Timpa perchè poi il sentiero è ben visibile (il tratto più semplice).

2 comentarios

  • Foto de pollinofantastico

    pollinofantastico 18-jul-2017

    La bellezza di questo itinerario sta proprio nel rasentare la cresta,ovviamente senza sporgersi eccessivamente.Altre soluzioni come hai ben descritto sono un po' complicate.Saluti

  • Foto de Domenico Grieco

    Domenico Grieco 18-jul-2017

    Grazie mille per il commento!
    Sì, seguire la cresta è sicuramente la soluzione più "pulita" e forse meno complicata ma bisogna avere anche una certa dimistichezza con questi strapiombi.
    Data la sua particolarità, l'avevo puntata da un po' di tempo e ho iniziato a studiarla anche grazie a quanto riportato sul tuo blog, ma quando ci si trova su quelle creste l'effetto è decisamente diverso :-)

Si quieres, puedes o esta ruta